sit.internazionale.web@gmail.com

I cristiani perseguitati non possono celebrare il Natale

Nella data più importante per il cristianesimo, terroristi e persecutori aumentano i loro attacchi di violenza contro i cristiani nigeriani.

Ascoltiamo una delle testimonianze di rifugiati in Burkina Faso come Bartholemew, che, mentre assisteva alla messa con la moglie e alcuni dei loro sette figli, li ha aggrediti. “I terroristi hanno circondato la chiesa, sono entrati con le armi e ci hanno sparato. Hanno ucciso cinque persone e il sacerdote Simeón Yampa, che ha cercato di mediare e che gli è costato la vita. Alcuni avevano pistole, altri in mano sbarre d’acciaio. Hanno dato fuoco a panchine, oggetti liturgici, libri… Hanno detto alle donne di coprirsi il capo e hanno rubato le nostre moto. Ho ringraziato il Signore per non aver ucciso la mia famiglia “, afferma Bartholemew.

Il giorno dopo la famiglia è fuggita. “Ho dovuto lasciare otto bovini, cinquanta capre e le mie galline; tutto è successo per mano dei terroristi. Siamo arrivati ​​a Ouagadougou, a 195 chilometri da Dablo, dove vive il nostro figlio maggiore”. Uno dei fratelli di Bartholemew è rimasto a Dablo e una settimana dopo i terroristi hanno rapito uno dei suoi figli.

Attualmente la situazione in Nigeria è sempre più pericolosa, la crisi in Mali e le intrusioni di gruppi jihadisti si sono infiltrati nell’Islam radicale ei cristiani sono diventati bersaglio di terroristi. Attacchi, rapimenti, intimidazioni e minacce si sono moltiplicati ovunque. Il Burkina Faso sta vivendo un dramma silenzioso che ha provocato l’esodo di oltre 1.300.000 sfollati. La maggior parte di coloro che sono fuggiti sono nei campi o sono accolti da famiglie generose o parenti stretti.

Traductor