John Bakeni: "Gli attacchi ai cristiani in Nigeria si ripetono sempre di più"

Domenica scorsa la chiesa di San Francesco nel comune di Owo, in Nigeri, è stata attaccata da un gruppo di radicali.

Non si sa ancora chi sia il gruppo di uomini che ha commesso l’attacco e il conteggio dei morti e dei feriti continua, anche se alcuni media ne stimano almeno 50.

Dopo i fatti accaduti, abbiamo intervistato John Bakeni, vescovo della diocesi di Maiduguri-Nordest della Nigeria per raccontarci di più su quanto accaduto e sulla situazione dei cristiani in Nigeria:

P: Hai altre informazioni? Si sa chi era il gruppo che ha commesso l’attacco? Il numero finale di morti e feriti è stimato?

R: I rapporti sul numero esatto delle vittime del massacro nella chiesa cattolica di San Francesco di Owo il 5 giugno 2022 sono contrastanti. Alcuni affermano che sono state uccise oltre 30 persone, altre fonti dicono che oltre 50. Questo perché c’erano coloro che sono morti sul posto, altri sono morti in ospedale a causa delle ferite riportate e include donne e bambini.

Informe oficial sobre el atentado en la Iglesia de San Francisco

P:In linea con quanto accaduto, secondo i dati offerti da Open Doors, in Nigeria uccidono 20 cristiani al giorno, è vero? Com’è la situazione dei cristiani in Nigeria?

R: Non so da dove ottengano le cifre di Open Doors, ma penso che sia un po’ alto, potrebbe essere meno o più in un giorno, proprio come nel caso della Chiesa cattolica di San Francesco a Owo che è ben al di sopra dei 30 le persone.

La situazione dei cristiani in Nigeria, soprattutto al Nord, è piuttosto impegnativa e difficile, poiché devono sopportare una forma o l’altra di persecuzione. I loro diritti umani fondamentali sono negati il ​​più delle volte. Subiscono discriminazione, esclusione sociale e politica. A volte vengono uccisi o rapiti/rapiti. Lì i luoghi di culto vengono distrutti o vandalizzati. Le nostre ragazze sono forzatamente sposate contro la loro volontà.


P: Boko Haram e lo Stato Islamico sono i principali autori del massacro, siete d’accordo? Perché pensi che questo stia accadendo?

R: L’identità dei responsabili del massacro non è stata rivelata, ma da precedenti precedenti e attività, stile e modus operandi, indica Boko Haram/ISIS, o Mandriani, banditi a seconda dei casi.


P: Qual è il ruolo del governo e delle forze di sicurezza in tutto questo problema?

R: Il ruolo del governo e delle forze di sicurezza è ovviamente quello di difendere, proteggere e proteggere vite e proprietà, ma non l’abbiamo visto sotto questo governo attuale. La situazione della sicurezza è peggiorata gravemente sotto questo governo. Il governo ha fallito nella sua responsabilità e dovere costituzionale. Di assicurare vite e proprietà.


P: Quale messaggio vorresti inviare al mondo sulla situazione dei cristiani in Nigeria? Quale soluzione pensi che dovrebbe essere adottata affinché tutto questo massacro smetta di accadere?

R: In primo luogo, abbiamo bisogno delle vostre preghiere, in secondo luogo, i cristiani, soprattutto coloro che subiscono discriminazioni ed esclusioni, coloro che sono sfollati e hanno perso i mezzi di sussistenza hanno bisogno di sostegno finanziario e materiale per poter affrontare la vita e mantenere il fede.

La comunità internazionale deve intervenire per influenzare il governo a fare ciò che devono fare i leader responsabili. Rafforzare le nostre istituzioni democratiche e insediare lo stato di diritto nel paese e garantire che le persone siano trattate in modo equo ed equo.

P: Com’è la vita quotidiana di un cristiano in Nigeria?

R: Penso sia bene sottolineare il fatto che cristiani e musulmani sono in guerra in Nigeria, no. La popolazione di aderenti di entrambe le religioni non lo permette né lo giustifica. Tuttavia, i cristiani, che vivono nella parte settentrionale del Paese, a maggioranza musulmana, sono quelli che sono esposti a quei pericoli sopra menzionati. A parte questo, i cristiani svolgono le loro normali attività, ma consapevoli del fatto che sono esposti a pericoli in qualsiasi momento, ovunque e in qualsiasi momento.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.