La Chiesa del Nicaragua subisce grandi violenze e repressioni

Gli ultimi eventi contro i cristiani hanno messo sotto i riflettori il Nicaragua: “l’assedio di sacerdoti e vescovi, l’espulsione di membri delle comunità religiose, la profanazione dei templi e la chiusura delle chiese ci hanno ferito profondamente. Esprimiamo la nostra solidarietà e vicinanza”, ha affermato il Consiglio Episcopale Latinoamericano e Caraibico (CELAM).


All’inizio di questa settimana, il regime di Ortega ha chiuso con la violenza otto stazioni radio cattoliche in Nicaragua: le stazioni colpite sono Radio Hermanos, Radio Nuestra Señora de Lourdes, Radio Nuestra Señora de Fátima, Radio Alliens, Radio Monte Carmelo e Radio San José, operanti in comuni del nord del Nicaragua.
La persecuzione dei religiosi da parte delle forze di sicurezza si ripete con sempre maggiore frequenza. Il Vescovo di Matagalpa, Mons. Rolando Álvarez, ha mostrato attraverso un video che un gruppo di poliziotti antisommossa ha impedito a lui e a sei sacerdoti di lasciare la sede della curia episcopale per celebrare la messa. Un altro sacerdote, padre Uriel Vallejos, e un gruppo di fedeli sono stati trattenuti dalla polizia per tre giorni nella casa parrocchiale di Jesús de la Divina Misericordia, nel comune di Sébaco, senza farli uscire e limitare la loro libertà.


Brian Nichols, sottosegretario di Stato per gli affari dell’emisfero occidentale del Dipartimento di Stato americano, ha dichiarato in un tweet che “il brutale attacco di Ortega-Murillo al clero cattolico, alle stazioni radio e ai membri della comunità nel comune di Sébaco è un altro colpo alle libertà di religione e di espressione in Nicaragua.”


“Come possono uomini e donne in divisa (molte persone di fede) eseguire tali ordini?”, ha sottolineato. L’Unione Europea si è pronunciata anche sugli atti repressivi nei confronti della Chiesa e ha condannato la chiusura “arbitraria” delle stazioni.


“Sono state utilizzate forze di polizia eccessive per occupare i locali e per intimidire e disperdere manifestanti disarmati con gas lacrimogeni e spari. Ciò costituisce un’altra violazione della libertà di espressione e della libertà di religione o credo”, ha affermato in una nota Peter Stano, portavoce principale per gli affari esteri e la politica di sicurezza dell’Unione europea.


“Dal 2018, il governo nicaraguense ha scatenato livelli di violenza senza precedenti contro il proprio popolo, usando omicidi, sparizioni forzate, prigionia, molestie e intimidazioni contro oppositori politici, così come giornalisti, difensori dei diritti umani, leader religiosi e altri”. , hanno aggiunto dall’UE. Secondo i dati, il Nicaragua ha più di 180 prigionieri politici, imprigionati senza rispetto della Costituzione, del diritto penale e del giusto processo del Nicaragua.


“Le autorità nicaraguensi devono porre fine a ogni repressione e ripristinare il pieno rispetto di tutti i diritti umani. Allo stesso modo, l’UE ribadisce il suo urgente appello al governo del Nicaragua affinché rilasci immediatamente e incondizionatamente tutti i prigionieri politici e annulli tutti i procedimenti legali nei loro confronti, comprese le loro condanne”, ha sentenziato l’UE.


La situazione in Nicaragua è enormemente peggiorata da quando è prevalso il regime di Daniel Ortega, poiché religiosi e credenti non hanno leggi o forze di sicurezza per garantire i loro diritti.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.