Padre e figlio cristiani vengono uccisi in Egitto

Padre e figlio sono stati uccisi a Omrania, in Egitto. Joseph, 70 anni, era seduto fuori dal suo negozio quando un uomo gli si è avvicinato e lo ha pugnalato più volte. Quando suo figlio, Emil, è venuto ad aiutarlo, anche lui è stato accoltellato. Nonostante siano stati portati in ospedale, le ferite sono state gravi e non sono sopravvissuti.

Le autorità di polizia hanno arrestato Ahmad Mohamed Salah, 43 anni, in connessione con gli attacchi. Emil e suo padre possiedono il negozio “Abou El Houl” in Khatem El Morsaleen Street, una nota arteria del distretto di Omrania, il più grande del Governatorato di Giza. Sono commercianti di bevande alcoliche da più di 30 anni.

I musulmani considerano l’alcol “haram” (illegale o proibito) e coloro che lo vendono o lo consumano sono disapprovati o addirittura minacciati. Nel gennaio 2017, un copto è stato ucciso ad Alessandria mentre era seduto fuori dal suo negozio di liquori.

A Giza, il negozio Abou El Houl è stato rapinato una volta, circa sei anni fa, ha detto Emil. “Alcuni uomini armati e mascherati sono entrati dopo la mezzanotte, hanno preso i soldi e distrutto le bottiglie di alcol”, ha detto. I vicini musulmani e cristiani sono intervenuti e hanno consegnato Ahmad alla polizia. Dopo i primi quattro giorni di detenzione, la sua detenzione è continuata per un altro 15 giorni in attesa dell’esito delle indagini.

L’attacco a Joseph ed Emil è l’ultimo di una serie di violenti attacchi ai cristiani copti di quest’anno. L’insicurezza e la persecuzione generano paura ed episodi come quello con Jospeh ed Emil. Le comunità cristiane sono una minoranza in aree che per lo più trattano con l’Islam e vivono costrette. La libertà religiosa e il rispetto dei diritti umani sono inesistenti e le forze di sicurezza non garantiscono l’incolumità dei cristiani.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.