Un uomo con il Parkinson e sua moglie sono imprigionati in Iran per la loro fede in Cristo

Un uomo di 63 anni con il morbo di Parkinson avanzato, Homayoun Zhav, e sua moglie, Sara Ahmadi, sono stati incarcerati dalle autorità iraniane perché cristiani. Secondo le informazioni fornite dalla Commissione statunitense per la libertà religiosa internazionale (USCIRF), Zhave è stato mandato insieme alla moglie Ahmadi e ad altri due cristiani nella prigione di Elvin per aver praticato la sua fede cristiana in una casa.

La coppia di origine persiana e musulmana decise di convertirsi alla fede in Cristo. Entrambi sono stati arrestati per la prima volta nel giugno 2019, quando le autorità hanno accusato Sara di dirigere una chiesa domestica e suo marito di esserne membro. Due mesi dopo, Zhaveh è stato rilasciato su cauzione. Nel novembre 2020 Zhaveh è stato condannato a due anni di carcere, accusato di appartenere a “organizzazioni che mirano a sconvolgere la sicurezza nazionale”. A dicembre la sua sentenza è stata confermata e poco dopo il Tribunale ha respinto il suo ricorso per un nuovo processo. A sua volta, Sara ha una pena detentiva di otto anni e Zhaveh, due anni.

In questo senso, l’Iran sta attuando una grande repressione contro i cristiani. Solo pochi mesi fa, le autorità iraniane hanno incarcerato Joseph Shahbazian, 58 anni, un cristiano armeno che sta scontando una condanna a 10 anni, e Malihe Nazari, una donna cristiana persiana, anch’essa nata in una casa musulmana e condannata a morte.6 anni di carcere.

Ogni giorno più cristiani vengono imprigionati a causa della loro fede. In dati, nei primi sei mesi del 2022 le autorità hanno arrestato 58 persone e pronunciato 25 condanne, rispetto alle 15 del 2021.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.